Come risparmiare sul riscaldamento: quale sistema?

come risparmiare sul riscaldamento

Tra le spese fisse di un’unità familiare, quelle per il riscaldamento dell’abitazione costituiscono un buon 50% del consumo energetico in casa. Ecco perché oggi abbiamo deciso di parlarti dei vari sistemi di riscaldamento disponibili in Italia; e quali effettivamente producono un buon risultato in termini di risparmio ed efficienza.

Quale sistema di riscaldamento scegliere?

Al giorno d’oggi, l’offerta sul mercato per quanto riguarda diverse tecnologie di riscaldamento è ampiamente diversificata; ciascuno di noi può trovare infatti il sistema di riscaldamento  che soddisfi le proprie esigenze, sia di risparmio in termini economici che energetico. Per essere in grado di scegliere il sistema più adatto, è importante considerare diversi elementi, tra i quali:

  • Necessità di utilizzo (composizione del nucleo familiare, orari di uso intenso e così via)
  • Zona dell’abitazione e, ovviamente, caratteristiche della casa
  • Fonti energetiche a disposizione

La gamma di tecnologie presenti sul mercato del riscaldamento è oggi molto ampia e diversificata e in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza.
Per scegliere la soluzione giusta fra tutte quelle disponibili è fondamentale considerare le caretteristiche dell’abitazione, l’ambiente di riferimento, la potenza richiesta, le fonti energetiche disponibili e in particolare le necessità di utilizzo.

Il classico impianto a gas: economico e versatile

Tra i combustili più diffusi, il classico impianto a gas è tra i più diffusi sul territorio italiano.

Le modalità di utilizzo sono tante, e certamente le più economiche: dal riscaldamento all’acqua calda, alla cottura dei cibi. Volendone valutare i pro ed i contro, uno dei tanti vantaggi si ricollega alla facilità di fruizione: senza bisogno di particolari sistemi, è sufficiente installare una caldaia ed effettuare l’allaccio alla rete di distribuzione del gas.

Dove non è possibile effettuare l’allaccio alla rete gas, si possono allora considerare altri tipi di combustibili, quali GPL e gasolio.

 I sistemi disponibili in commercio non sono solo a gas e gasolio, ma questi costituiscono comunque una buona percentuale dei sistemi attuali. Gli impianti a gas offrono sicuramente un ottimo rapporto prezzo/risultato.Un elemento importante da considerare quando si è indecisi tra l’uno o l’altro tra questi diversi combustibili è il potere calorifico, che ci indica la quantità di calore prodotta nella combustione completa di un’unità di massa (o di volume) del combustibile.

migliori sistemi riscaldamento

POTERE CALORIFERO INFERIORE CONVENZIONALE 

DEL GREGGIO E DEI PRINCIPALI PRODOTTI PETROLIFERI 

kcal/kg

Petrolio greggio

10,000

G.P.L.

11,000

Benzina

10,500

Gasolio

10,200

Olio combustibile

9,800

Gas naturale

9,200

Carbon fossile

7,400

Fonte: ENEA 

Come mostrato nella tabella sovrastante, scienza prova che il GPL ha un potere calorifico maggiore rispetto al gasolio.

Tra le altre alternative, il camino è un ottimo elemento d’arredo che però richiede manutenzione continua, ed ovviamente, è da considerare se abbiamo uno spazio da adibire ad immagazzinare legno.
Stesso discorso vale per il pellet; ci sono comunque in commercio tante soluzioni per stufe a legna e pellet che non richiedono la costruzione di un vero e proprio camino.

Impianto solare termico

Il sole è una fonte di energia inesauribile.

Tra i vantaggi, sicuramente la possibilità di usufruire di interessanti incentivi statali. L’energia solare può essere sfruttata in modi diversi: come fotovoltaico, producendo quindi energia elettrica da quella solare, e solare termico, ossia energia termica utile per il riscaldamento e per ottenere acqua calda.

In entrambi i casi, staremo producendo energia pulita, quindi oltre ad un vantaggio economico, siamo sicuri di tutelare l’ambiente.

Conviene davvero?

A prima vista, i prezzi dei pannelli fotovoltaici possono spaventare: tra i 6.000 ai 15.000 euro, ma sono in vigore varie detrazioni fiscali, e comunque possono essere combinati all’impianto di riscaldamento esistente, per un risparmio che va dai 9.000 ai 12.500 euro. Impianti di questo tipo garantiscono risparmi sulla produzione di acqua calda davvero notevoli: stiamo parlando di un buon 50% fino al 90%.

impianto termico solare

Consigli per mantenere un impianto efficace

Qualsiasi impianto per il riscaldamento tu scelga, fai in modo che sia regolare la manutenzione, da personale qualificato. La manutenzione in sé assicura l’efficacia operativa del sistema, facendoci risparmiare ulteriormente.

Non dimenticare inoltre di regolare l’impianto ad una temperatura confortevole ma non eccessiva: in genere, la temperatura ideale per un ambiente sano si aggira intorno ai 21 gradi °C.

Tante altre piccole accortezze ci aiutano ad ottimizzare il calore emanato, percepito e soprattutto, trattenuto all’interno dell’abitazione. Ad esempio, lo tratteniamo al meglio se ci ricorderemo di abbassare gli avvolgibili, chiudere le finestre dopo il tramonto, e assicurandoci che non vi siano spifferi e fughe di calore.

temperture

Commenti Facebook