Il risparmio comincia da casa

Evidenza

Girovagando per la rete a caccia di risparmio, questa settimana siamo andati a leggere una interessante e super attuale ricerca dell’ ACEEE, Il Consiglio Americano per l’Efficienza Energetica, insieme ad alcuni suggerimenti dell’UE (Unione Europea) e dobbiamo dire che contengono tantissimi consigli utili per il risparmio a casa.

 

Il risparmio parte da casa

Infatti, il risparmio in ogni senso deve partire da quella che è la nostra casa.

Se state per comprare un nuovo elettrodomestico, ristrutturare il bagno, o cambiare il sistema di riscaldamento, questo articolo è per voi.

Anzi, è pure per voi amici che state per comprare una nuova lampada.

Risparmio energetico e risparmio monetario vanno di pari passo; ed è questo il bello. Con un occhio a non sprecare energia a casa, stiamo salvaguardando anche il nostro portafoglio. Il primo elemento da tener bene a mente quando vorremo acquistare un elettrodomestico è il costo operativo: quando lo acquistiamo, oltre al prezzo di vendita paghiamo pure l’avere l’elettrodomestico funzionante a casa.

risparmio

Non è assolutamente un costo da trascurare, in quanto andrà a pesare sulle bollette finché lo useremo.

Un esempio: avere un frigo per 15 anni equivale circa alla spesa stessa del frigo al momento dell’acquisto.

Tanti, piccoli cambiamenti per iniziare a risparmiare non richiedono grossi sforzi e non sono nemmeno costosi, né richiedono investimenti iniziali, ma semplicemente delle accortezze.

Proprio per questo, QUI puoi trovare i migliori elettrodomestici di classe energetica A+++ e A++ grazie ai quali il tuo risparmio annuo sul consumo sarà notevole.

E l’ambiente?

Ogni volta che accendiamo il riscaldamento, compriamo una lavatrice nuova o un semplice frullatore, stiamo compiendo una scelta che, nel bene o nel male, influenza l’ambiente.

Tutti noi sappiamo come la produzione ed il consumo di energia danneggi il sistema: per ridurre questo fenomeno, si può iniziare a sostituire vecchie lampadine a incandescenza, o il frigorifero, con un modello più efficiente, o ancor meglio, iniziare a pensare alla soluzione offerta dai pannelli solari.

 

 

Risparmio sulla corrente

Ecco alcuni consigli per cominciare a risparmiare da oggi sulle vostre bollette: no, non vi stiamo a dire di spegnere la luce quando usciamo da una stanza, quello è scontato.

Cambiamo le classiche lampadine a incandescenza con quelle LED, infatti queste ultime dureranno molto più a lungo, consumando meno corrente. La differenza la noteremo subito nelle nostre bollette.

Potete trovare le lampadine a Led direttamente QUI

risparmio

Eliminiamo i vecchi lampadari, scambiamo lampadine piccole con una sola, più grande.

Sembrerà banale ma non lo è: possiamo risparmiare semplicemente con una buona manutenzione. Pensiamo anche solo alla polvere che si deposita sulle nostre lampade: essa infatti riduce la potenza luminosa delle stesse.

Pianifichiamo il nostro risparmio: step 1

Vi ricordate quando abbiamo parlato dell’importanze del pianificare proprio qui?

Anche oggi vorremo ricordarvi questo punto fondamentale quando si parla di risparmio. Infatti, la prima cosa da fare per capire dove e come possiamo risparmiare è prendere nota dei nostri consumi.

In poche parole, capiamo quanto (e perché) paghiamo una certa cifra, ogni tot mesi.

LOGO ASSOCIAZIONE ALTROCONSUMO

In questo modo infatti sarà facile determinare quali sprechi richiedono maggior attenzione.  Il primo esercizio è trovare la compagnia più competitiva sul mercato: abbiamo già un contratto economico? Ci sono altre offerte sul mercato? Informiamoci, paragoniamo diverse compagnie, sfruttiamo le offerte dei concorrenti: andrà tutto a vantaggio del nostro portafoglio.

Vi suggeriamo di rivolgerci a fonti affidabili quali Altroconsumo  e scegliere così il miglior operatore per le offerte luce.

A proposito, sapevi che Altroconsumo offre l’abbonamento in prova a 2 Euro, con 4 riviste e uno smartphone in omaggio? Scopri la promozione riservata ai nuovi iscritti qui 

Bottone

Link utili per il risparmio a casa

Consigli per i più curiosi: se volete sapere a che punto siamo in Europa vi consigliamo di dare un’occhiata al sito ufficiale dell’Unione Europea qui 

Commenti Facebook