Risparmio energetico per la tua casa

risparmio-energetico

Risparmiare a casa significa prima di tutto far del bene alle nostre banche, ma non solo: risparmio energetico significa occuparci dell’ambiente allo stesso modo.

Oggi vogliamo spiegarti come puoi risparmiare semplicemente adottando piccoli accorgimenti: il primo di cui vorremo parlare riguarda il risparmio energetico.

Risparmio energetico a casa

Per farla breve, una lampada dichiarata a risparmio energetico consuma decisamente meno, riduce le emissioni di CO2 nell’ambiente, facendoti risparmiare Almeno 65 Euro all’anno in bollette dell’elettricità.

Tra i fattori di spesa a casa che pesano sul bilancio domestico ci sono sicuramente due notevoli spese, entrambe legate a due forme di energia, che sono le più utilizzate: energia termica ed energia elettrica.

risparmio energetico

La prima generalmente per il riscaldamento, la seconda per tutto il resto. Ed è proprio questa seconda che pesa fortemente sulle nostre bollette: l’energia elettrica viene prodotta nelle case italiane in grandi quantità.

Come si genera elettricità

Tramite combustione di petrolio, gas e carbone ma non solo: possiamo produrre energia sfruttando il sole, il vento, e pure il mare. Nel caso dell’energia elettrica, sfruttiamo comunemente generatori (attivati dalla combustione), o energia nucleare (che crea però pericolose radiazioni, per cui sono pochi i paesi ad utilizzarla). Il fotovoltaico tramite pannelli solari rappresenta certamente una delle risorse del futuro, e ne parleremo nei prossimi articoli.

fotovoltaico

Risparmiare energia elettrica a casa

Tra i primi suggerimenti, spegnere gli interruttori pare quello più banale. Spegnere gli interruttori significa non lasciare accese nemmeno le lucine di stand-by, poiché ogni dispositivi lasciato in stand-by continua ad assorbire corrente.

Quanto ci costa allora lasciare la Tv in modalità stand-by? Studi dimostrano che questo tipo di dispositivi accesi “a vuoto” sono pari ad almeno 70 euro in più all’anno nelle bollette. Secondo uno studio condotto da Legambiente Milano, il solo consumo dovuto ad apparecchi in stand-by nelle case italiane è superiore all’uso effettivo di lavastoviglie. Incredibile, vero?

risparmio energetico

Impariamo una buona abitudine: spegnerete sempre dall’interruttore generale (possiamo usare una ciabatta in modo da disattivare più dispositivi).

Iniziamo a risparmiare a casa con le lampadine

A chi non è capitato di scottarsi toccando una lampadina ad incandescenza? Dovete sapere che circa il 90% dell’energia consumata da una di queste vecchie lampadine a bulbo è disperso in “surriscaldamento”. Il restante 10% rappresenta la luce generata.

L’Italia, da Settembre 2009 ha messo al bando queste vecchie lampade a incandescenza, invitandoci ad adottare quelle a risparmio energetico.

Per quanto riguarda lo smaltimento, le lampadine a risparmio energetico non vanno gettato tra i normali rifiuti domestici in quanto considerate rifiuti tossici. Alcuni rivenditori le ritirano gratis, vi consigliamo di chiamare il vostro Comune di Residenza.

risparmio energetico

Lo sapevi?

  • Le lampadine a risparmio energetico si adattano a tutte le montature e offrono diverse sfumature, colori e tonalità. Potete scegliere tra luci calde e luci fredde, in modo da acquistare la lampadina giusta per ogni ambiente a casa vostra!
  • Un ottimo prodotto si trova sul mercato a circa 8 euro e consuma un quinto di una lampadina classica. Significa che una lampadina da 100W può essere sostituita da una a soli 20W.
  • Le vecchie lampadine durano circa 800-1500 ore, quelle a risparmio energetico ci regalano ben 5000 ore minimo, ed un 15000 ore massimo!

In breve, a parità di illuminazione ( se non migliore ) stiamo risparmiando sui costi  della bolletta elettrica circa l’80%

 

I numeri del risparmio a casa

Le statistiche condotte da organizzazioni quali Legambiente dimostrano che in un anno:

Una vecchia lampadina a incandescenza consuma 80 euro di elettricità, producendo 350 chilogrammi di CO2, mentre la lampadina a risparmio energetico consuma ci costerà solo 8 Euro e 70 chilogrammi di CO2 emesso nell’ambiente.

Una lampada a risparmio energetico resta accesa quanto dieci lampadine ad incandescenza.  Se una lampadina a incandescenza costa 100 euro sulla nostra bolletta, quella a risparmio energetico vince a parità di prestazioni a soli 30euro. Questo va moltiplicato poi per tutte le lampadine che avete a casa.

Continuiamo a risparmiare a casa con questi piccoli accorgimenti

A parte sostituire tutte le lampadine negli ambienti della casa dove spendiamo almeno due ore o più, ci sono altri trucchi che ci consentiranno di risparmiare sulla bolletta e massimizzare tutto quello che il risparmio energetico ha da offrire. Stiamo parlando di piccole, buone abitudini quali prestare attenzione agli elettrodomestici, ad esempio, il frigo.

Questo caro elettrodomestico resta acceso 24 ore su 24, ogni giorno, per anni. Avete mai pensato quanta elettricità produce? Tanta. E tanto sarà lo spreco se non gestiamo bene i consumi. Da notare che frigoriferi e congelatori rappresentano un terzo dei costi totali sulla nostra bolletta.

risparmio-energetico

Per alleggerire il lavoro del frigorifero e congelatore, possiamo aumentare la loro temperatura di un solo grado. Questa azione corrisponde ad un risparmio di circa il 6%.

Per ridurre il calore assorbito dal frigo ( che lavora “espellendo” il calore, per mantenere il freddo all’interno), possiamo posizionarlo lontano da fonti di calore quali stufe o caloriferi, fornelli, e prestare attenzione a che stia ad almeno 5 cm dalla parete.

Altri accorgimenti riguardano il non mettere in frigo pasti caldi, tenerlo aperto per non troppi secondi, e pulire il retro regolarmente dalla polvere che si accumula.

 

Avete altri suggerimenti per il risparmio energetico a casa??

Condivideteli con noi nella nostra pagina FB

Commenti Facebook